DISOCCUPATI VITE IN PARALLELO: LA STORIA DI ADRI

Torna la rubrica: “Disoccoccupati vite in parallelo”, la rubrica che racconta le Vostre storie di disoccupazione…perchè a volte, sfogarsi AIUTA!

disoccupati parallelo2

La storia di oggi è quella di Adri:

Cara amica,

prima di tutto scusa il mio italiano. La mia storia è sofferente: ho lavorato 10 anni in un posto come cameriera, nei 10 anni mai fatto permessi, se dovevi stare a casa se stavi male dovevi essere in terapia intensiva se no stavi dicendo bugie, con la crisi sono imbestioliti di più. Non posso dire le cose chiare e tonde visto che sono molto delicate. Chi ha i soldi può tutto purtroppo siamo solo numeri. Eranno due settimane che chiedevo lo stipendio di agosto dopo la  “guerra”di parole, non scrivo i dettagli visto che loro sono amici di tutti in polizia finanzia e carabinieri NAS. Loro hanno gli avocati migliori qui a Udine. Io ho una figlia e un marito che vivevano con il mio stipendio. Dopo aver trovato la lettera del licenziamento sono andata dal patronato e  loro mi ha detto firmare senza creare casini. Chiedere il tuo  diritto é una cosa sbagliata nei tempi di oggi.

Ho 42 anni sono vecchia per essere assunta e giovane per avere la pensione. Chi sa in quanti sono come me…andrò avanti farò di tutto per trovare lavoro. Non mollo, al tappetto chi mi vuole male. Scusa per il mio italiano, in bocca al lupo chi cerca lavoro, la dignità non si perde per nessuno!!!

Grazie Adri, come sempre quando leggo le vostre storie provo un misto tra rabbia a desolazione…Non mollare, continua a cercare…

Ps: una parolina a quelli del sindacato: Vaff…..voi dovreste difenderci e aiutarci e invece andate a favore di sti stronzi…che delusione.

Continuate a scrivere le vostre storie, continuiamo a sfogarci e ribbellarci. Scrivete a: valeriadevito@gmail.com .NON SI PUò E NON SI DEVE ANDARE AVANTI COSì: https://ladisoccupazioneingegna.wordpress.com/?s=disoccupati+vite+in+parallelo&submit=Cerca

4 thoughts on “DISOCCUPATI VITE IN PARALLELO: LA STORIA DI ADRI

  1. E purtroppo invece i sindacati sono proprio così, l’ho provato sulla mia pelle, svenduta come se niente fosse. Nemmeno gli avvocati del lavoro, che teoricamente sono PAGATI per difenderti, lo fanno più ormai. Siamo solo carne da macello senza nemmeno il diritto di avere il compenso per quanto lavorato (anche questo provato sulla mia pelle). Sono bravi solo a ricoprirci di parole parole parole

  2. Cerchiamo di approfittare dei diritti dei lavoratori conquistati con fatica negli anni qui in Italia anche con i sindacati (che a suo tempo funzionavano effettivamente meglio) senza svenderci e pretendendo di essere trattati in modo adeguato e con contratti regolari.

    So che è difficile trovar lavoro in questo momento ma non dobbiamo farci ricattare accettando qualsiasi condizione ci venga imposta, altrimenti si dà modo alle persone di sfruttare senza ritegno. Purtroppo in giro ci sono tanti farabutti che si approfittano delle persone più bisognose e deboli per poi scaricarle senza problemi. Vanno denunciati e non assecondati.

    Per quanto rigurda il caso di Adri, trovare lavoro se si è superati i 40 è sì più difficile ma in Italia sono stati creati, se non sbaglio da un paio di anni, degli incentivi per motivare le imprese ad assumere professionisti over 40. In pratica le aziende che li assumono ottengono degli sgravi fiscali non da poco.

    Ho trovato un paio di link di associazioni che possono essere d’aiuto a Adri e a chi si trova nelle sue condizioni: http://www.lavoro-over40.it/
    http://www.atdal.eu/

    E questa pagina con offerte di lavoro: http://it.indeed.com/offerte-lavoro-Lavoro-Over-40

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...