PREMIO NOBEL RELOADED: IL NUOVO LIBRO DI BARBARA D’URSO

La D'Urso regredisce a 13 anni per le foto promozionali del libro

La D’Urso regredisce a 13 anni per le foto promozionali del libro

Ovvero “Quando un lettore muore.” La poetica D’Ursiana tra fenomeno e noumeno.

Introduzione
Parafrasando una canzone di Giorgia che capita di sentire in radio ultimamente e che riempie il terso aere di gioia e gaiezza, quasi quanto andare a pagare la bolletta dell’Enel alla posta all’ora di punta, dico proprio “Quando un lettore muore”. Sì, perché non si può rimanere vivi dopo essere passati attraverso l’esperienza extrasensoriale della lettura di un libro di Barbara D’Urso. O, perlomeno, si resta vivi, ma si muore nell’anima. La fondatrice di questo blog, sua eccellenza Gioacchina, non paga della passata esperienza con il #mappazzone e i consigli di bellezza che la gentile Barbara ci ha elargito non più di qualche mese orsono, non paga delle patologiche conseguenze che venire a contatto con il diabolico testo apocrifo della presentatrice, dell’attrice, della giornalista, dell’artis, dai, di quella lì che fa i collegamenti in diretta dalla sala parto di Carmen Russo e che ha monopolizzato il già atavico palinsesto della rete ammiraglia Mediaset, ha generato sulla mia già problematica personalità, insomma, Gioacchina non paga ha dato nuovamente sfogo al suo sadismo represso e mi ha sottoposto la recensione del nuovo libro di Barbara D’Urso.

Plot
Sì, Barbara D’Urso ci ha preso gusto e ha da poco aggiornato la sua ricca bibliografia con una nuova opera.
“Ti si legge in faccia”, edito da Mondadori (chissà come mai proprio la Mondadori, deve essere nel contratto) è un manuale smaschera bugiardi per farla semplice, una attenta analisi sociopsicocerebroganglionevrassiale alla scoperta del linguaggio del corpo per essere precisi.

“Perché con le parole puoi mentire, ma il corpo dice sempre la verità.”

Con l’aiuto del life e mental coach Gianluca Liguori, la nostra ormai affezionata amica Barbara ci guida in un viaggio attraverso il corpo, il suo linguaggio, i gesti, gli occhi, le mani e quello che ci dicono senza parlare. Ora, d’accordo. Un libro così ci può stare. Ma perché lo doveva scrivere Barbara D’Urso?
Il libro si apre con una piccola Barbara D’Urso (è sconvolgente pensare che sia stata una bambina) alle prese con un dentino dondolante e l’attesa per l’arrivo del topolino dei dentini. Che cosa tenera! Peccato che il topolino dei dentini sia una bugia, come Babbo Natale o come la ripresa economica entro il 2014 o come Ruby che era la nipote di Mubarak. Chissà se quel topolino che in realtà non mise piede in casa D’Urso aveva già subodorato le conseguenze che il contatto con la D’Urso genera sugli esseri viventi e non viventi (si parla di quarzi scioltisi come neve al sole sotto lo sguardo intenerito della, vabbè diciamolo, presentatrice partenopea.)
Si arriva poi ad un episodio che, beh, chi di noi non aspettava di leggere? Una donna alle prese con la scoperta del suo uomo a letto con un’altra, una donna affranta nel dolore, distrutta, in preda alla rabbia, pronta – come direbbero gli antichi – a menare le mani perché Barbara è forte, è focosa, è sanguigna. E poi, mentre stai per solidarizzare con questo dolore misto tra Margherita Buy ne “I giorni dell’abbandono” e la moglie di Jerry Calà in “Vacanze di Natale a Cortina”, questo miscuglio di sentimenti alti da tragedia greca e di bassi istinti da coppia Boldi-De Sica, mentre questa nemesi, questa trasfigurazione, questa catarsi ti sta guidando verso la solidarietà nei confronti della donna tradita, ecco che:

 “La verità? Era tutto organizzato da “Scherzi a parte”!”

Come? Ero lì che stavo per solidarizzare con te, e mi dici così? Niente catarsi. Ma…

“Se avessi saputo interpretare il linguaggio del corpo, esattamente come state imparando a fare voi ora, avrei potuto cogliere mille segnali che mi rivelavano la falsità della messa in scena. E invece… Ci sono cascata in pieno.”

Ah, ecco! E brava la nostra Carmelita D’Urso! Crea la suspance, crea l’immedesimazione, crea l’atmosfera, poi SBEM! ti piazza il colpo di scena e, infine, ecco creato l’aggancio per il tema del suo libro. Tanti, tanti applausi e standing ovation dalla platea (che sono io).

ANALISI
FENOMENO: il nuovo libro della divina Barbara D’Urso si presenta come un ibrido letterario: alterna episodi di vita vissuta che toccano le corde più sensibili del nostro duro cuore (leggi: di cui francamente non ce ne frega una mazza) a spiegazioni su come interpretare i segnali che il corpo ci manda e che non sono “vai a fare la cacca, vai a bere, mettiti un maglione perché stai sentendo freddo, smettila di correre perché non sei Mo Farah” ma sono l’espressione del nostro sentire. Dopo aver letto questo testo scientifico in lizza per il premio del Lancet, smaschereremo in un battibaleno mariti fedifraghi, fidanzate ninfomani, probabili sex addicted, mentitori cronici, innamorati timidi, falsi adulatori. Necessario.
NOUMENO: cosa c’è dietro questo libro? Qualche centinaia di migliaia di Euro di contratto, direte voi. Anche. Ma io voglio andare a fondo, voglio scoprire cosa spinge Barbara D’Urso a scrivere dei libri. Qualche centinaia di migliaia di Euro di contratto, direte di nuovo voi. D’accordo, vero.
Ma.
La poetica D’Ursiana è il risultato di una profonda ricerca interiore. Come T.S. Eliot che si rivolgeva alla moglie con uno struggente “Parla. Parlami.” che cercava di trafiggere il muro dell’incomunicabilità, anche Barbara, quando a Pomeriggio 5 chiede a Raffaella Fico di parlarle della sua relazione con Mario Balotelli, cerca di togliere i veli che nascondono, cerca di rompere i silenzi che portano a distruggere le relazioni e che, sicuramente (a parte un bel paio di corna da entrambe le parti) hanno portato a distruggere anche quella tra Balotelli e la Fico. Quando Ibsen in Casa di Bambola mette di fronte Nora e il marito Torvald in occasione dell’estrema decisione della donna di lasciare tutto e pensare a se stessa, non fa altro che emulare i confronti dialettici tra gli ex del Grande Fratello che Barbara invita generosamente nel suo salotto pomeridiano. Cosa altro possono essere i collegamenti da Avetrana, da Garlasco, con perfetti sconosciuti che dicono la loro, con gli assassini che si difendono in diretta televisiva, con l’ignoranza che trasuda da ogni poro, se non la sublimazione della tragedia umana, della disumanizzazione che esce dalla nicchia e impera, prepotente e devastante su quello che resta di noi?

Quindi, ancora una volta grazie Barbara. Per il tuo acume, per la tua vitalità, per come ci insegni a vivere, per quello che leggerti ci può regalare, grazie di aver scritto un altro libro, Aprile era troppo lontano e io sentivo il bisogno di immergermi nuovamente nelle bucoliche atmosfere dei flashback della tua vita vissuta. Grazie per essere così semplice, per essere così vera, grazie per avermi costantemente aggiornato sulle condizioni dell’utero di Carmen Russo e delle colichette del figlio di Eva Henger. Grazie. Ti voglio bene.

Sto mentendo. Ma per fortuna sono dietro allo schermo di un computer e non me lo puoi leggere in faccia.

(Se vuoi leggere altri post di francitau su questo mirabile blog clicca qui)

Annunci

18 thoughts on “PREMIO NOBEL RELOADED: IL NUOVO LIBRO DI BARBARA D’URSO

  1. Sono senza parole … mi sono sbellicata dalle risate e ho pensato che non hai nulla da invidiare a Selvaggia Lucarelli. Anzi, sei più simpatica. 😉
    Hai mai pensato di fare della scrittura una professione? Ah già, immagino che tu non abbia qualche santo alla Mondadori. Be’, nemmeno io, purtroppo. 😦

  2. E noi che continuiamo a leggere libri insulsi..grazie Gioacchina per avere illuminato le nostre povere, ignoranti, ormai compromesse menti facendoci conoscere un GRANDE libro di una GRANDE scrittrice come la D’Urso. E grazie a Barbara perché dopo che avrò letto il suo libro sarò in grado di leggere nelle facce delle persone..lo inserirò nel mio cv nelle note. Ora vorrei continuare a dirti di come so con certezza che questo libro mi cambierà la vita ma mi limiterò a fare una corsa per andare ad acquistarlo.
    Ps. Sempre complimentoni per i tuoi brillanti articoli 🙂
    Cassandra di Live a thousand lives ♡

  3. Lo ho scoperto ieri in tv e sono rimasta perplessa…soprattutto dalla copertina! Però forse ne è valsa la pensa per leggere un post così! Di la verità, quanto hai pagato la D’Urso per scrivere il libro?

  4. – guardare le nuvole e fantasticare su cosa rappresentano le loro forme…
    – tirare un sasso in un lago e contare i cerchi che si espandono, sbagliare il conto, ritirare un sasso e riprovare…
    – scegliere una pagina a caso dell’elenco del telefono e cercare di impararla a memoria…
    – far girare all’indietro la mia collezione di vinili degli anni ’80 per scoprire se in un disco dei Culture Club ci sono dei messaggi nascosti
    – cercare un posto panoramico all’imbrunire e indovinare quali finestre si accenderanno e quali no…
    – Contare i peli del mio cane (magari quando è tutto bagnato, che è più difficile)

    Se non avessi niente… ma proprio niente da fare, farei tutte queste cose prima di leggere un libro di Barbara D’Urso! Anche prima di leggere solo il risvolto della copertina…

    p.s. Toglimi una curiosità… Ma tu per fare un post così ha comprato il libro della D’Urso, lo hai preso in biblioteca o lo hai letto a sbafo alla Feltrinelli?

  5. Grazie dei commenti!
    Per chi me l’ha chiesto, il libro l’ho scroccato e non mi sono minimamente vergognata visto che affianco a me leggevano Volo (senza offesa) 😀

  6. Sono interdetto. Vorrei dirti brava per l’articolo, però mi domando: sono io che non mi faccio fregare dalla sempiterna Barbarella( piacerebbe a lei esserlo), oppure, come te, ho solo un sacco di boria e non riesco a non capire il nazionalpopolare dolore, la felice curiosità di vedere in anteprima la nascita della bimba di Carmen Russo o della storia d’amore perduta del Mario e della Raffaella?

  7. Pingback: I 10 REGALI DI NATALE PER…. | La disoccupazione ingegna

  8. La cosa curiosa è che tutti criticano questa “autrice gionalista art..” ma poi i suoi libri vendono tantissimo e le sue trasmissioni sono straseguite.
    Allora mi domando, forse sbagliio io a non capire…
    Complimenti per il post, molto simpatico e per il tuo blog al quale mi iscrivo immantinente.
    Grazie per essere passata a trovarmi.:-)
    Emanuele

  9. Pingback: Rinforzi anticrisi: ecco il nuovo libro di Barbara D’Urso | La disoccupazione ingegna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...