PROFESSIONE BLOGGER: LA COLLABORAZIONE E’ DA INTENDERSI A TITOLO GRATUITO

Love Blog

Buongiorno a tutti i disoccupati di giugno!!! Lo so, in un paio di post precedenti avevo detto che non avrei cercato lavoro, ma non ci riesco…almeno un oretta al giorno dò un occhiata agli annunci. Partendo dal presupposto che per ricercare lavoro io ho un metodo scientificissimo (che fino ad adesso non mi ha portato a nulla o quasi, se volete ve ne parlerò!) dopo aver spulciato tutte le categorie, anche la chiancimuerti (lavoro tipicamente del sud, età 40-100 anni, che consiste nel vestirsi di nero e a piangere ai funerali. Questo mestiere era molto in voga nei paesi del basso Salento) ho provato a cercare lavoro come blogger o articolista.

Chi sono gli insersionisti: blog avviatissimi, giornali on line che si stanno rifacendo il look, redattori di enciclopedie, siti che si occupano di turismo.

Cosa chiedono gli insersionisti:
– buona conoscenza dell’italiano;
– buona capacità nella redazione dei testi;
– Conoscenza nell’uso delle e-mail, di Skype, di WordPress e in ambito SEO;
– la conoscenza dell’uso di Photoshop e l’avere a disposizione una macchina fotografica;
– spirito di iniziativa;
– disponibilità a lavorare in team e con orari flessibili;
– foto
– uno o due articoli nuovi e mai pubblicati

Cosa offrono: la maggior parte degli insersionisti, dopo averti chiesto anche il numero delle nuvole presenti in cielo e la differenza tra stratocumolo e cumulonembo, ci tengono a specificare che: LA COLLABORAZIONE E’ DA INTENDERSI A TITOLO GRATUITO.

Io ho un blog (anzi due), è un hobby (quasi, ci sono giornate che passo ore e ore sul blog), ci scrivo per hobby e soprattutto quello che voglio, senza limiti nè di parole nè tantomeno di argomento,soprattutto ho la libertà di scrivere ciò che penso il libertà. Insieme a me scrivono: la Leggiero, la Fra e Sabrina, e anche loro come me non hanno limiti, scrivono ciò che vogliono ecc.. Io dal mio blog non ho un guadagno, quindi non ho la possibilità di pagare altri che scrivono. Ma se questi blog avviatissimi hanno un guadagno perchè non pagare chi li fa guadagnare pubblicando articoli per loro?
Altri insersionisti offrono un minino: dai 0,50€ alle 5€ per un pezzo, il che è ragionevole: non ho nulla da fare, altro non trovo, scrivo e mi pago il gelato o il concerto. ( se mi metto d’impegno e ne scrivo tanti!!!)
Altri insersionisti: non pagano ma ti offrono la formazione SEO o la possibilità di prendere il cartellino come pubblicista (anche questa mi sembra una proposta ragionevole).
Ma gratis no…è finito il tempo del lavoro gratis o sottopagato.
Se vuoi un pezzo gratis io lo scriverò per quanto tu me lo fai valere: cioè 0.

Ps: le magliette SONO DISOCCUPATO MA STO CERCANDO DI SMETTERE sono disponibili e le posso inviare ovunque Poste Italiane permettendo. Ovviamente il giuadagno è interamente della tipografia che sfortunatamente non è mia 😦

cropped-disoccupato.jpg

Annunci

8 thoughts on “PROFESSIONE BLOGGER: LA COLLABORAZIONE E’ DA INTENDERSI A TITOLO GRATUITO

  1. Per nulla al mondo venderei il mio tempo a chi non è disposto a gratificare il lavoro altrui.
    Provo solo tanta amerezza, perchè questa gente qui non sa i sacrifici fatti con notti insonni passati sui libri e ansie pre esame; e si permette di trattarti come se fossi l’ultima ruota del carro che elemosina 0.50€ o ancora 5€.

  2. In passato mi è capitato di scrivere gratuitamente per una rivista dedicata ad un mio hobby. In cambio mi regalavano l’abbonamento alla rivista e la visibilità di un mio sito internet il cui link appariva in fondo ai miei articoli, insieme alla firma.
    Dopo alcuni anni di collaborazione ebbi una discussione con l’editore perchè voleva che io scrivessi (o non scrivessi) i miei articoli in base alle ditte che compravano (o non compravano) la pubblicità sulla rivista… Nella discussione che ne seguì, all’editore scappò detto che ogni mia pagina per loro aveva un valore di 400€ e quindi se io nel mio articolo nominavo una ditta che non faceva pubblicità sulla rivista erano tutti soldi buttati…
    Io scrivevo gratis per un articolo che valeva 400€ a pagina (e di solito erano 2 o 3 pagine ogni mese)…. La mia collaborazione cessò subito e da allora scrivo gratis e con la massima libertà solo in siti e blog di mia proprietà!
    Dopo un paio di anni da questi fatti la rivista cessò le pubblicazioni… con mia somma soddisfazione…

    p.s. Ma è possibile che dei soldi delle magliette a te non rimanga niente? Potresti scrivermi in privato sulle magliette? Grazie…

  3. la maglietta è una figata! per quanto riguarda lo sfruttamento diffuso di giovani braccia e menti, è un cancro tutto italiano…ma purtroppo non esiste nessuna ricerca per curarlo! anch’io non lavoro più gratis…sul web ho sempre diffidato (da che ho il blog), ma anche nella vita di tutti i giorni. Sono stanca di essere presa in giro, sembra che quella che era definita “gavetta”, un tempo provvisoria, non finisca mai! Prima o poi, avremo una rivincita???

  4. Occhio perchè lo Stato Italia che detiene il monopolio del tabacco e dei disoccupati potrebbe metterti una bella tassa sulle magliette, al che per continuare a venderle dovresti dimostrare che la disoccupazione nuoce gravemente alla salute.
    Non difficile da dimostrare in effetti, ma è come spiegare algebra ad un muro di gomma che offrendo un nuovo mezzo per avere lavoro agli under 29 oltre ai SVE, apprendistato, progetti leonardo ed erasmus e stage per laureati ento 12 mesi dalla laurea (tutti incentivi che prevedono detrazione fiscale per l’azienda), ha proposto zero misure per i disoccupati fra i 30 ed i 50 anni.
    Per i 30-35 enni c’è ancora la possibilità di candidarsi ai progetti Leonardo (praticamente impossibile rientrarvi perchè c’è una sproporzione 1 a 100 e vengono preferiti gli under 30).
    Per gli over 35 e under 50 non c’è nessun contributo se non le liste di mobilità se perdi un lavoro (con forte limitazioni e riformisti che vogliono pure eliminare questi incentivi).

  5. E quindi? ci mettiamo tutti su youtube a fare video su come ci trucchiamo? Quasi quasi…manca poco, me lo sento….vado già a sistemarmi gli ombretti… ragazzi, ragazzi, sono sicura che un giorno rideremo di tutto questo. vero? vero??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...