IDEE CHE AVREI VOLUTO AVERE: L’ARTE CONTEMPORANEA

Ovvero

L’arte artistica e gli artistici artisti

Il nulla che può diventare il tutto nelle menti (malate) di chi guarda.

Se non fossi una studentessa sfigata vorrei essere un’artista. Artista, sì, termine vago per identificare qualcosa di non realmente identificabile, che agli occhi della gente appare un parolone e che si porta dietro esaltanti immagini da bohémien fine, elegante e snob da una parte o da squattrinato che chiede l’elemosina contornato da cani puzzolenti dall’altra. Andando ancora più a fondo, l’artista che vorrei essere è l’artista di arte contemporanea, quell’arte che tutti falsamente applaudono ma che nessuno capisce, quell’arte fatta di quadri dalle tele bianche, per di più senza titolo o di strane foto senza senso o di sculture fatte con orinatoi rovesciati e placcati oro o di installazioni che capisce solo l’artista che le fa. Quell’arte in cui non conta saper disegnare, non conta saper dipingere, non conta saper scolpire un marmo. In cui se dipingi uno sgorbietto informe può diventare “il senso di trascuratezza e indefinitezza della civiltà contemporanea”, in cui se metti insieme una tanica di benzina e un libro puoi millantare di voler rappresentare “il contrasto tra il consumismo della società industriale e spersonalizzata e l’identità culturale dell’uomo acquisita con il passaggio dalla preistoria alla storia e dall’uomo delle caverne alla scrittura mesopotamica”.

L’arte contemporanea è così. E’ il tutto che è niente o il niente che può diventare tutto agli occhi dei cosiddetti esperti. E’ una grande idea, un’idea furbissima. Io vorrei incontrarlo il tizio che ha deciso che una tela bianca è un’opera d’arte. Davvero. Perché quello che mi dicono sempre è: “Ma tu non l’hai avuta l’idea di fare una tela bianca. Lui l’ha avuta prima di tutti.” Ma non è vero, ci sarà stato qualcuno prima di lui che ha avuto l’idea ma poi, giustamente, avrà pensato che avrebbe rischiato il manicomio e allora ha detto vedo di cercarmi un lavoro serio. Se si fa un giro nei corridoi di un museo d’arte contemporanea si passa il tempo a scervellarsi sul significato nascosto di queste “opere”, sul messaggio che l’artista vuole trasmetterti. Se vai agli Uffizi o ai Musei Vaticani, invece? Passi il tempo a guardare delle opere d’arte comprensibili ai più, che poi magari avranno anche un significato nascosto, ma almeno capisci al primo colpo cosa rappresentano.

Invece l’arte contemporanea è il perfetto esempio di quella che è una grande genialata. Prendiamone spunto. Smettiamola di perdere tempo dietro a concorsi, esami, abilitazioni, uffici di collocamento, lavori sottopagati. La soluzione è dietro l’angolo: fingiamoci artisti contemporanei.

Annunci

11 thoughts on “IDEE CHE AVREI VOLUTO AVERE: L’ARTE CONTEMPORANEA

  1. Domenica sera su Sky Arte danno un documentario sulla concezione comune dell’arte contemporanea…non mi ricordo come si chiama.
    Se ti interessa, in rete cerca “The Artist i Present” dell’Abramovich. A me l’arte contemporanea da un pò fastidio, perchè mi sembra una fotonica presa per il culo di chi per secoli l’arte l’ha fatta davvero, ma qui ci esce un discorso lunghissimo. Guardalo, e se lo trovi sottotitolato dimmelo, perchè io me lo sto guardando in lingua originale, ma in inglese sono un pò una capra 😐

  2. Ho visto un’installazione della Abramovich quest’estate: se l’intento della sua arte è stupire, lei sicuramente ci riesce. Però ecco, il punto è proprio questo: l’arte è solo stupire utilizzando la provocazione? Per me no 🙂

    P.s. Ho provato anche io a cercare su Internet il documentario sulla Abramovich, ma purtroppo senza risultati (neanche in inglese)…

    • se hai e-mule lo trovi facilemente…almeno, io non l’ho dovuto nemmeno cercare più di tanto, l’ho beccato subito e scaricato in un lampo (incredibilmente)…posso vedere se riesco a spedirti il file in qualche modo…hai una gigamail?

  3. Di arte c’è ne di tutti i tipi, credimi! Ahimè, ho avuto la (s)fortuna di frequentare il liceo artistico alle superiori e ora frequento l’accademia di belle arti di brera (MI) e ne sento di tutti i colori. Per esempio vi è la “Merda d’artista” scaturita dalla mente brillante dell’italianissimo Piero Manzoni nel 1961! E io mi chiedo ancora.. perchè???

    Un saluto e un bacio, complimenti per il blog
    Ho aperto da poco questo nuovo blog su moda, arte e design. Se ti va, passa a trovarmi. Ti aspetto!
    Blog Kitsch & Camp
    Facebook

  4. Pingback: SIAMO QUELLO CHE VEDIAMO: TROVATA UNA SEGA! (ogni tanto un pò de teatro ci sta!!) | La disoccupazione ingegna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...