LA DISOCCUPAZIONE: UNISCE

unionefalaforza

Ero su letto non sapevo cosa fare, mi annoiavo mangiando gocciole, in un pomeriggio così è nata “ladisoccupazioneingegna”. Con un primo articolo totalmente sgrammaticato, (non che gli altri brillino per correttezza grammaticale) è nato questo blog. Dopo qualche giorno ho esteso l’idea anche alla Leggiero.
Grazie a questo blog ho imparato e sto imparando molto, ma la cosa più evidente è che la disoccupazione UNISCE. Per questo oggi questo articolo, non l’ho scritto io e neanche la Leggiero, ma lo ha scritto Agata anzi lo ha postato Agata sulla pagina di facebook del blog ( la disoccupazione ingegna FB ) quindi senza il suo permesso ricopio il suo commento alla frase di Benigni che ieri ho postato : Se non c’è lavoro crolla tutto, crolla la democrazia, la disoccupazione crea infelicità!!! (Roberto Beninigni, “La più bella del mondo”)

Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorgono l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie.

Chi supera la crisi supera se stesso senza essere “superato”. Chi attribuisce alla crisi i suoi fallimenti e difficoltà, violenta il suo stesso talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi è la crisi dell’incompetenza. L’inconveniente delle persone e delle nazioni è la pigrizia nel cercare soluzioni e vie di uscita.

Senza crisi non ci sono sfide, senza sfide la vita è una routine, una lenta agonia. Senza crisi non c’è merito. È nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. Parlare di crisi significa incrementarla e tacere nella crisi è esaltare il conformismo.

Invece, lavoriamo duro. Finiamola una volta per tutte con l’unica crisi pericolosa, che è la tragedia di non voler lottare per superarla. – Albert Einstein, 1931

Ho “conosciuto” Agata attraverso questo blog, ci siamo sentite per telefono e ci siamo raccontate le sfighe della disoccupazione, sapevo già di non essere l’unica disoccupata al mondo, ma la “socializzazione” della sfiga ha portato a delle idee ma anche ad una spalla su cui piangere o riderci su!  Credo davvero che l’unione faccia la forza, anche l’unione di chi mai e poi mai avrebbe pensato di conoscersi. Quindi caro Roberto la disoccupazione potrà anche rendere tristi e privare l’uomo della dignità, ma ci sono disoccupati che cadono e insieme tentano di rialzarsi.

Annunci

2 thoughts on “LA DISOCCUPAZIONE: UNISCE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...