MEGLIO MORIRE LAVORANDO? MEGLIO RESTARE VIVI.

Ieri, sulla città di Taranto ed in particolare sull’ILVA, si è abbattuto un tornado, non una semplice tromba d’aria un vero e proprio tordado, di quelli che noi italiani li vediamo solo nei film americani.

Ovviamente essendo un fenomeno metereologico di alta intensità ha creato danni, tra i vari danni, un uomo che stava lavorando in una cabina dei una gru, posta sul molo, risulta disperso, in quanto la gru è volata via.

Alcune precisazioni: l’area portuale è da diversi anni sotto sequestro, ma la Procura ha concesso la facoltà di utilizzarla all’Ilva, a quanto pare il tornado non era prevedibile (vabbè, non era bora era un tornado sicuro che non fosse prevedibile?), molte persone all’interno dello stabilimento sono rimaste ferite, quattro familiari dei feriti sono morti in un incidente sulla strada per andare a Taranto dai propri parenti feriti, i dipendenti dell’ILVA licenziati dichiarano “se fossimo stati al lavoro, sarebbe stata una strage”, qualcun altro dichiara ” pur di non perdere il lavoro, andiamo al lavoro rischiando di morire, in fondo è meglio morire lavorando che senza lavoro” .

Oggi sono triste leggendo queste frasi, mi viene da pensare ai morti sul lavoro, alle morti bianche, a tutti quelli che sono morti per tenerselo stretto il lavoro, a tutti quelli che si sono ammazzati perchè lo hanno perso, a questa crisi e a quello che ha prodotto, al divario tra chi ha e chi non ha, tra quelli che si permettono di chiamarci schizzinosi e quelli che ogni giorno sperano di non morire andando al lavoro.

Meglio morire lavorando? meglio restare vivi. Ma a quale prezzo?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...