Il grande mestiere dell’Invalido civile

Fare l’invalido civile è ormai un mestiere, preso di mira da ben più di 3400 italiani, solo nel 2012: lo conferma la Guardia di Finanza, lo sentiamo alla TV, ce lo dice la radio e leggiamo di questi simpatici truffatori sulle migliori testate giornalistiche. Di pochi giorni fa la notizia della scoperta di 268 beneficiari di pensioni solo a Brindisi.
Sembra che la categoria più gettonata sia il FINTO CIECO: che sia ALLENATORE DEI PORTIERI o PITTORE non importa, fondamentale è percepire 800 euro al mese tondi tondi!
Pare che fare i falsi poveri o “semplicemente” i falsi invalidi vada molto di moda, ma non solo in Italia: ci seguono coraggiosissimi anche i nostri connazionali all’estero, i quali si distinguono nel numero di 418 per aver percepito denaro perché nullatenenti…fino a quando lo Stato non li ha scoperti.
Ed ecco lo scenario nel complessivo: l’ammontare delle truffe si aggira intorno ai 60 milioni di euro, più i 9 milioni per i residenti all’estero. Quindi, dividendo il totale per il numero di truffatori è di circa 18 mila euro a testa. Destinati a chi in realtà tanto invalido non è, anzi.
Allora, in un raptus di follia, di fronte a cotanto “mangia mangia” mi vien da pensare: ma perché non c’ho pensato anch’io? Mi prendo una bella pensioncina per una gamba offesa (tanto non si offende nessuno) o una cataratta cronica e il gioco è fatto! Sistemati per la vita! Un po’ come per il gioco Win For Life, solo un tantino più pericoloso, ma perché no, piuttosto divertente!
È divertente pagare un medico per fargli dichiarare il falso, spingere a preparare tutte le scartoffie per percepire denaro che non ti spetta, e altrettanto divertente quando ti scoprono e la Polizia vuole indietro i soldi e tu non li hai perché col tempo, si sa, noi personcine dabbene li spendiamo!
E allora il momento di follia passa e speri che anche gli altri rinsaviscano perché non si può dichiarare di essere ciechi e poi magicamente trovarsi alla guida di una bici o di un Suv, di aver contratto malattie tali da non poter camminare per poi portare anche il cane a spasso, di avere ancora al fianco la propria moglie pur di percepirne la pensione o dichiarare addirittura che TUTTA LA FAMIGLIA (CIRCA 20 PERSONE, caso accaduto in provincia di Napoli) deve prendere la pensione d’accompagnamento e chiederne anche gli arretrati.
Roba da pazzi? No, roba da falsi invalidi.
Falsi come una moneta da 3 euro…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...